La Repubblica – review of The Iliad.

The Iliad

 

Sorpresa, è l’Iliade il baby bestseller.
Per il Guardian è uno dei 10 libri per bambini più belli del 2015. L’associazione dei bibliotecari inglesi consiglia di comprarlo a tutte le scuole elementari della nazione, ma anche di leggerlo se si è un po’ più grandicelli e anche se si è proprio grandi e lo si è già letto d amato in precedenza in altre versioni. Dell’Iliade di Omero, in effetti, non ci si può mai stancare. Ora questo libro primordiale, da cui discende tutta la letteratura del mondo, ritorna per il pubblico dei più piccini, ma non solo per quello, edito da Walker Books, raccontato da Gillian Cross e illustrato da Neil Packer, la stessa coppia che qualche anno or sono aveva prodotto con successo una Odissea per bambini.
L’opinione dei critici d’Inghilterra è che l’operazione sia pienamente riuscita: i disegni sono magnifici, la trama viene inevitabilmente ridotta e semplificata, ma la poesia del linguaggio risuona come in un testo per adulti. E per quanto gli dei facciano anche qui la loro parte, in primo piano ci sono i greci e i troiani, rendendo l’epica vicenda di Achille, Ettore, Ulisse ed Elena più una storia di forza e di fragilità umana che una battaglia decisa dal volere divino. Il risultato è “credibile e memorabile” al tempo stesso, afferma un recensore londinese.
Esiste forse, del resto, una fiaba più fantastica, romantica e drammatica della “guerra di Troia”? Leggerla da bambini, oltretutto, può farla amare come non sempre capita a chi incontra per la prima volta soltanto a scuola il Pelide Achille e la sua ira funesta, senza comprenderne, se non ha l’insegnante giusto, l’eterna grandezza.
©RIPRODUZIONE RISERVATA
DISEGNO DI MASSIMO JATOSTI